MOUNTAIN BIKE ESTERO - SLOVENIA Anello del M.te Slavnik da Kozina



Premessa:


Questo breve anello può essere considerato un "classico" del carso. Le ragioni per le quali viene apprezzato sono molteplici, a partire dalla posizione strategica e dominante del Tajano o Slavnik (uno dei rilievi più significativi in questa zona, sotto la cui cima è posizionato il rifugio Tumova Koča), ma anche in virtù delle caratteristiche del percorso, che ben si presta alla pratica del mountain biking. Infatti, raggiunta la vetta grazie ad una salita discretamente lunga ma piacevole, ci si appresta ad affrontare una delle discese più belle tra quelle rintracciabili sul carso: senza eccessive difficoltà, ma con la dovuta cautela, si digrada in modo entusiasmante per sei chilometri e mezzo su single track! A questo va aggiunto il notevole pregio paesaggistico dell'itinerario, che interessa un ambiente davvero unico.

 

 

Sviluppo per punti principali in ordine di percorrenza:

Kozina – Hrpelje – Tumova Koča – Slavnik – Grmada – Hrib - Prešnica – Klanec – Kozina.

 

 

Caratteristiche salienti dell'escursione:

  • Località di partenza: Kozina, 497 mt s.l.m.
  • Lunghezza percorso: 22,8 km
  • Quota massima raggiunta: monte Tajano (Slavnik), 1028 mt s.l.m.
  • Dislivello: 650 mt
  • Tempo di percorrenza indicativo: 1 h 45 min
  • Stagione consigliata: primavera/autunno
  • Cartografia: Geodetski Zavod Slovenije, Primorie in Kras – 1:50.000
  • Impegno fisico: ridotto/discreto/medio/elevato/molto elevato
  • Livello tecnico: facile/medio/impegnativo/difficile/molto difficile

Dim lights

 


Descrizione dell'itinerario:

 

Raggiunto l'abitato di Kozina, è possibile lasciare la vettura negli spazi limitrofi alle attività commerciali (abbigliamento sportivo per motociclisti ed esercizio pubblico) prossime all'istituto di credito. Si pedala in direzione del vicino semaforo, all'altezza del quale si svolta a destra verso Hrpelje; dopo poche decine di metri, comparso il segnale a fondo giallo indicante “Slavnik”, si abbandona la strada principale per seguire tale indicazione. Una breve discesa asfaltata cede il passo ad un'ampia e scorrevole carrareccia in falsopiano, mentre rimangono alle spalle gli edifici di Kozina. Dopo aver mantenuto la destra al primo bivio, a cui coincide grosso modo l'ingresso nel bosco, l'ascesa può considerarsi iniziata (attenzione però alla possibile presenza di veicoli). Su pendenza agevole si guadagnano altri due incroci: al primo si mantiene la sinistra (piazzale con segnaletica in legno) mentre al secondo la destra (divieto di transito presso la confluenza con il sentiero per le malghe). Più avanti, aggirato un modesto rilievo e fuoriusciti in ambiente aperto, si incrocia il single track che verrà utilizzato in discesa, reso evidente dal tipico bollino bianco/rosso (Km 8,9).

 

[l'apertura con il segnavia del sentiero da utilizzarsi in discesa]

 

Si prosegue sulla carrareccia spaziando con la vista in senso orario dalla cupola dello Slavnik al mare Adriatico.

 

[salendo verso lo Slavnik, presso la prima schiarita]

 

Ad un suggestivo traverso affacciato sulla dorsale del Golic, segue un momentaneo ritorno tra la vegetazione, durante il quale si incrocia nuovamente il sentiero per Prešnica (Km 10,8); in questo punto la carrareccia piega a destra, affacciandosi poco oltre sui verdi che circondano la vicinissima sommità del Tajano.

 

[in vista del rifugio sotto alla cima del Tajano]

 

Superando un paio di tornanti si è al rifugio Tumova Koča, da cui merita compiere l'ultimo sforzo per raggiungere la panoramica cima (1028 m – Km 11,8), contraddistinta da un vistoso cippo.

 

[la dorsale del Golic dalla vetta del Tajano]

 

[panorama verso l'interno dalla cima del Tajano]

 

E' trascorsa poco più di un'ora dalla partenza. La discesa inizia sul sentiero il quale, dopo aver attraversato il tornante ai piedi del rifugio, prosegue a destra tagliando il prato lungo la linea di massima pendenza;

 

[in discesa sul tratto di sentiero sotto la cima]

 

ripresa la carrareccia, se ne percorre un tratto a ritroso, fino a guadagnare l'imbocco del single track per Prešnica (Km 12,6). Rientrati nel bosco, si digrada su terreno a tratti un po' smosso poi, usciti nuovamente all'aperto, si mantiene la destra alla biforcazione del single track, incrociando subito una mulattiera (Km 13,4). Il sentiero prosegue sul lato opposto e, dopo alcuni passaggi tra le pietre, riporta all'apertura già vista durante l'ascesa, proprio di fronte alla pietra con i bolli bianco/rossi (Km 14,1). Passati sul lato opposto si intraprende una discesa entusiasmante, per lo più scorrevole e veloce, che di fatto traversa il versante occidentale del monte fino a raggiungere il bivio con le indicazioni per Prešnica (Km 16,1).

 

[in discesa sul sentiero]

 

Lasciando sulla sinistra la più tecnica deviazione si continua a traversare, stavolta su traccia rettilinea esile, anche se ben distinguibile;

 

[tratto di sentiero successivo alla biforcazione per Prešnica]

 

tagliando dolcemente una fascia erbosa ,questo single track incrocia una mulattiera (Km 18,0), che si attraversa per riprendere il sentiero. In breve, giunti al limite di un'ampia zona prativa, si imbocca sulla sinistra la stradina sterrata a ridosso della linea ferroviaria (Km 18,3). Superato il passaggio a livello si scende su asfalto e, incrociata l'arteria per Koper (Km 19,3), si continua sul lato opposto. Con la rotabile che segue è possibile evitare una parte della trafficata strada principale, previo passaggio a Klanec. Entrati in paese mediante il primo bivio a sinistra (Km 19,7), si incrocia subito un'altra via; l'itinerario continua a destra, ma la stradina dinnanzi conduce all'ingresso del cimitero, nei cui pressi si trova un tiglio secolare che merita vedere. Oltre l'incrocio di fronte al cimitero si svolta invece a sinistra, impegnando subito dopo la strada che esce dal paese in direzione opposta (Km 20,4 – segnale di dare la precedenza a fondo giallo). Una blanda salita riporta all'arteria già citata (Km 21,8), in cui ci si immette svoltando a sinistra; poco più avanti, raggiunto un bivio, si rientra in paese piegando a destra (Km 22,3) e dopo pochi metri si è alla vettura (Km 22,8).

Riferimento temporale dell'escursione: settembre 2009



LA GALLERIA FOTOGRAFICA:

cliccare super vedere le decrizioni


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

previsioni meteo

Meteo Friuli Venezia Giulia


Meteo Friuli Venezia Giulia


Meteo Friuli Venezia Giulia

 


Meteo Friuli Venezia Giulia


Meteo Friuli Venezia Giulia


cookieassistant.com